DE COME eL NOD EBBE NESSANZA

E fu ‘l juorno in cui Mbahlah dalla Grande Altezza se fe vuar su Massalia dorada. E dan la main tenea septe jambe de arboro.Et a le genti tutte lo stupore prisi che’ une selva entiera avea en pugno.Mahlah! Mbahlah lo grande!A l’ arena d’ oxiente Ill’ envuiaà cum fortia li batùni et elli cum gran tuono son tombati. E qui se donnò l’ Instrumentu CoLui-che-è-vuoto-dientro. Massalia dunque avanti ebbe el son e dippoi ebbe lo juoco. E appresso li batuni sulla terra embraciati montrarn a le jenti come el nodo liega e li suoi multi ingegni, chè da quel premiero nodo s’ebbe corda e vele por li santi vascelli. E le jenti de Massalia conescono la Maire porque Mbahlah li diede el nodo e Missral gonflò le vele.

DEU NEUTRINO ET SUA NESSANZA

Fu lo mesmo juorno che li batuni tombarono su Massalia.Chè fecero gran suono si, et una gran valle mangiarono a la Terra. E desotto tel gran monte de arbori caduti la valle se remplia de ombra fino a lo bordo, che quando fu plena se arrestò. La valle nera donnò Neutrino avanti, Lui-che-ha-voce-soptile, eppoi l’ancriostro.Ché uno specchio nero fece di quel buco, quando le genti prennero li batuni e decovrenno el de sotto.Et Deu Neutrino protegge le genti che perdendo vanno la vita en Maire. Et ello padre est de le genti che mai ritornarono, che la Maire li ha presi e portati in basso

Intrumentum tum - Ville Invisible
00:00 / 00:00
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now